News

26/07/2018

Indietro

Finalmente una norma sui CPL!

Ricordiamo brevemente che esistono sul mercato due tipologie di laminati, quelli chiamati HPL (High Pressure Laminate) e quelli identificati invece con l’acronimo CPL che significa propriamente Continuous Pressed Laminate. Per i primi esiste da molti anni una norma di riferimento molto ampia e completa, la EN 438 che oltre a definirli e classificarli, contiene anche numerosi metodi di prova abbinati a specifici requisiti declinati in funzione della destinazione d’uso del materiale.

Per i CPL, stranamente, non è mai esistito invece alcun documento di riferimento sebbene, in verità, ci sia stato un tentativo di produrre una norma europea (EN) molti anni fa senza tuttavia approdare ad alcun risultato concreto. Forse la difficoltà di normare questi materiali di rivestimento deriva proprio dalla loro variabilità che conduce a una diversificazione notevole sia delle loro caratteristiche finali sia delle relative applicazioni. Oggi questa sfida è stata ripresa e riproposta da alcuni importanti produttori italiani che, insieme al Catas, stanno affrontando un percorso per giungere alla pubblicazione di una norma in ambito Uniplast all’interno della Sotto Commissione 17.
Il lavoro è iniziato nel 2016 e ad oggi si è già giunti a un buon punto con la definizione di una bozza di norma suddivisa in tre parti: Parte 1: Generalità, Parte 2: Metodi di Prova e Parte 3: Specifiche. Le aziende partecipanti a questo gruppo e il Catas hanno finora condotto moltissime prove ed altre sono ancora in corso per arrivare a classificare propriamente questi materiali in funzione dell’impiego previsto.

Ricordiamo, a tal proposito, che l’attuale bozza di norma prevede una suddivisione dei CPL in cinque classi di impiego (orizzontale, verticale, flessibile, bordi e pavimenti) alle quali sono associati ben diciassette metodi di prova con relativi requisiti differenziati per ciascuna delle cinque classi sopra indicate.

Per informazioni:
Claudio Caon
+39 0432 747224
caon@catas.com